Perché si dovrebbero sempre forzare i dipendenti a prendersi una vacanza?

Esc Team - 22 dicembre 2015

dipendenti_vacanza-1.jpg

Suona come un sogno, vero?  Gli Stati Uniti, a differenza di molti paesi europei in cui i dipendenti possono prendersi 20 o più giorni consecutivi di ferie retribuite all’anno, non hanno mai approvato una legge sulle ferie annuali retribuite. Prendersi un break, tuttavia, può portare a importanti benefici.

Oggi, la maggior parte degli uomini d'affari americani, riderebbe al pensiero di permettere ai propri dipendenti di prendersi 15 giorni di ferie di fila. Studi dimostrano che molti dipendenti non utilizzano nemmeno tutti i loro giorni di ferie. Si sentono in colpa per lasciare indietro le sempre crescenti to-do list e hanno paura di deludere i propri compagni di squadra, o ancora più importante, i loro capi. In un sondaggio effettuato da Project: Time Off, i dipendenti riferiscono che la loro azienda non dice nulla circa il prendersi i giorni di ferie, invia messaggi contrastanti o scoraggia i membri del team dal prendersi le ferie pagate.

Anche se non avete alcun problema con i vostri dipendenti circa le proprie giornate di ferie, parlarne a voce dà sicuramente ai dipendenti maggior fiducia e funge da aiuto per farli andare in vacanza senza il timore di possibili ripercussioni. Incoraggiare la vostra squadra ad uscire dall'ufficio permetterà alla vostra agenzia di avere benefici per alcuni importanti aspetti.

4 benefici di prendersi un break

Migliorare la produttività e le collaborazioni

Dipendenti stressati sono dipendenti infelici. Ed è difficile lavorare con impiegati infelici. Quando qualcuno è stressato, il cervello è costretto a concentrarsi su come risolvere il o i problemi che stanno causando l'ansia. Questo risulta più difficile se inserito in un quadro generale, in quanto inibisce i dipendenti dal collaborare con gli altri membri del team per trovare una soluzione comune a un problema.

Secondo Expedia, il 34% dei professionisti dichiara di essere più produttivo dopo le vacanze. L'idea che lavorare di più significhi anche lavorare meglio, non solo è sbagliata, ma può effettivamente risultare dannosa per la salute sia fisica che mentale.

Migliora le funzioni cognitive

Anche se i membri del vostro team sono in vacanza, potrebbero non essere fisicamente pronti per il lavoro, ma mentalmente avere ancora il proprio cervello che frulla. Anche se il cervello si rilassa, continua ad elaborare le informazioni che ha appreso nel tentativo di renderle permanenti.

Vi è mai capitato di essere frustrati per un compito che dovete eseguire e poi, il giorno dopo, siete stati in grado di completarlo in poco tempo?

Questo è quanto detto sopra sul ruolo del cervello, ovvero che dà un senso a quello che si è imparato. Quando si è in vacanza, la mente ha la possibilità di elaborare quella tonnellata di informazioni che ha all’interno e, in sostanza, di pulire la lavagna per prepararsi a scriverne delle altre.

Aumento della Creatività

Nella frenetica vita di tutti i giorni all’interno dell’agenzia, a volte è difficile fermarsi e pensare davvero. Quando invece si è lontani da lavoro, le persone hanno tempo per pensare e potrebbero lavorare anche se non direttamente. Magari qualche esperienza avuta in agenzia potrebbe diventare il topic di un blog oppure la distanza potrebbe essere la miglior soluzione per lisciare le cose con un cliente particolarmente frustrante da gestire. Ricordate sempre che le buone idee richiedono tempo e non sempre possono arrivare all’interno dei confini del vostro ufficio.

Potenziali risparmi a lungo termine

Avere il tempo per recuperare, fisicamente e mentalmente, migliora la vostra salute generale. I dipendenti che non si sentono bene a lavorare tendono a prendere più giorni di malattia e passare più tempo fuori dall’ufficio. In definitiva questo interrompe il flusso di lavoro e comporta un costo in termini di tempo e di denaro con il rischio di avere l’ufficio pieno di persone ammalate. Dare ai vostri dipendenti una pausa aiuterà a mantenere loro e il vostro business più sani e più a lungo.

Non correte il rischio di bruciare i vostri dipendenti. Date loro la possibilità di andare in vacanza senza doversi preoccupare di quello che hanno lasciato in ufficio. Quando ritorneranno potrete barattare il tempo “perduto” ottenendo in cambio un aumento della produttività e della creatività.